La sindrome dell’edificio malato

Il termine Sick Building Syndrome (S.B.S.) o “sindrome dell’edificio malato” indica uno stato di disagio avvertito dagli occupanti dell’edificio stesso. Gli effetti possono essere anche localizzati solo in alcune aree dello stabile e possono scomparire dal soggetto non appena si allontana dall’ambiente malsano.

Si presenta con sintomi quali il  mal di testa, bruciore agli occhi, secchezza delle mucose nasali, irritazione della gola, tosse secca, pelle secca e prurito, vertigini e nausea, difficoltà di concentrazione, affaticamento, e sensibilità agli odori.

Il termine  “Building Related Illness” (BRI) o “malattia correlata all’edificio” viene utilizzato quando i sintomi della malattia diagnosticabile sono identificabili e possono essere attribuiti direttamente ai contaminanti quali batteri, miceti e virus presenti nell’aria e derivanti da polveri e contaminanti chimici. Tali patologie, assai più gravi della precedente, richiedono un recupero più prolungato nonostante l’allontanamento dall’edificio e la necessità di rimuovere l’agente contaminante al fine di ottenere la guarigione del paziente.

Quando entrate al lavoro avvertite qualcuno di questi sintomi? Forse siete soggetti proprio ad una di queste due patologie correlate agli edifici.

Un rapporto del Comitato dell’Organizzazione Mondiale della Sanità del 1984 ha evidenziato che fino al 30% degli edifici, sia nuovi che ristrutturati in tutto il mondo, può essere oggetto di problematiche legate alla qualità dell’aria interna, definita “Indoor Air Quality” (IAQ). Spesso questi problemi si presentano quando un edificio viene destinato ad un uso diverso da quello per cui era stato progettato oppure gli impianti non sono adeguatamente sottoposti a manutenzione.

Questi sintomi possono aggravare quadri clinici già compromessi nell’individuo.

Il modo migliore per prevenire tali patologie è proprio quello di effettuare periodiche analisi di controllo e bonifiche approfondite degli impianti aeraulici nel loro complesso (U.T.A. canalizzazioni, fan-coil, condizionatori split).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *