Controllo rumore, senza troppo rumore!

Tutti noi siamo continuamente bombardati da Decibel che mettono a rischio (e infastidiscono) il nostro sistema uditivo.

La quantità di stress prodotta dall’inquinamento acustico è aumentata negli ultimi anni in via esponenziale, basti pensare ad una giornata intensa di traffico, un aeroporto nelle vicinanze o ancor più semplicemente la musica del vicino a volume elevato.

Tutte queste sollecitazioni possono provocare danni irreversibili al timpano e alle membrane dell’apparato uditivo.

Compito molto importante per chi si occupa di sicurezza sul lavoro, è proprio quello di valutare e prevenire i rischi collegati con il Rumore.

In tale valutazione uno strumento si rende indispensabile: il fonometro.

Noi di Firotek ci siamo occupati di situazioni molto particolari, in cui abbiamo utilizzato degli strumenti di alta precisione per rilevare e tenere sotto controllo il rischio acustico.

Presso alcuni clienti abbiamo, infatti, effettuato indagini di esposizione al rumore per operatori impiegati nei call center come in riferimento al Decreto Lgs. 81/08 art. 181.

L’esecuzione di tali misure richiede la possibilità di effettuare delle registrazioni facendo indossare le cuffie dell’operatore direttamente ad un manichino dotato di microfoni in miniatura posti nell’orecchio artificiale.

Per fare una registrazione significativa, è necessario che il colloquio telefonico sia il più rappresentativo possibile, quindi l’operatore dovrà essere messo in condizione di ascoltare in parallelo la comunicazione e di rispondere alla chiamata indipendentemente dalle cuffie normalmente usate.

Un pizzico di malinconia ci coglie pensando che i giovani frequentatori di discoteche non hanno la minima consapevolezza del fatto che i 110 dB (rilevati mediamente presso tali luoghi) sono appena sotto il limite della soglia di dolore percepito dall’essere umano (120 dB).

Liberi si, di andare a ballare, ma non dimentichiamoci che nei luoghi di lavoro è fondamentale indagare tali problematiche e, per fortuna, sempre più lavoratori prestano attenzione ad utilizzare i DPI previsti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *